Poesia veneta

Venezia Canal Grande

Venezia Canal Grande

Dopo tanti anni, ho scoperto che a mio padre piaceva una particolare poesia, che ho recuperato da un libriccino vecchio, e solamente per uso "interno" a qualche club di poesie venete. Si può vivere tanti anni con una persona e non sapere nulla di lei, magari credendo di conoscere già tutto di quella persona..La voglio riportare qui, perché penso che sarebbe stato felice mio padre di vederla nel suo sito, così non la abbandonerà mai. La poesia è stata scritta tanti anni fa da Mario Bagagiolo:

Tristessa

Te lasso 'n'altra volta, mia cara cità,

co'l cuor strucà da angossa e nostralgia

parché no ti xe più, Venessia mia,

la mama che da fio me ga cunà.

 

Ti par'na nona, tuta inbacucà

nel sial de calighera inacidia

dai fumi che Marghera, bona fia,

te manda co' abondansa e fedeltà.

 

Ma, spesso, ti me par più 'na maregna

strassona che desmentega 'sto fio

e che mostra scoasse come insegna!

 

Ciò, piove o pur ti pianzi?....Torno in drio

perché lebrosa, vecia o co la tegna

mama ti resti drento in t'el cuor mio.

 

Poesia tratta dal "el gnaro ve conta" libretto per uso interno di poesie venete.